close
Alimentazione e dermatite atopica

Alimentazione e dermatite atopica

18 Novembre 2014alimentazionedermatite atopicaDHAGLA1287Visualizzazioni

A cura di Mario

dermatite

La dermatite atopica è una diffusa malattia cronica infiammatoria della pelle. E’ un tipo di eczema che colpisce bambini e adolescenti. Il nesso tra questa malattia e la dieta è oggetto di diversi studi.
Una recente review ha provato a tirare le somme di quanto noto al momento.
Emergerebbe innanzitutto una correlazione con le allergie alimentari, che dimostrano di avere un ruolo in particolare nella riacutizzazione della malattie. Soggetti allergici alle uova, ad esempio, rimuovendole dalla propria dieta hanno visto una riduzione dei sintomi definita dai ricercatori “promettente”.
Utile anche l’eliminazione degli additivi alimentari.
Si è inoltre riscontrato un effetto positivo sulla riduzione dei sintomi con l’integrazione di acido docosaesaenoico (il DHA), un grasso omega-3. Infine, un’altra integrazione che ha portato a risultati positivi è stata quella dell’olio di “bella di notte” (oenothera biennis, una pianta nota con diversi nomi, tra cui anche enotera e primula di sera), una fonte di acido gamma-linolenico (il GLA).

Riferimento:
Skin Therapy Lett. 2014 Aug;19(4):5-7. Review of Evidence for Dietary Influences on Atopic Dermatitis. Mohajeri S1, Newman SA.

Altre notizie simili

(Visited 581 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

Sclerosi multipla e il microbioma: c’è connessione?

Storie personali: Camillo (uno splendido Carlino).