close
Le malattie degenerative croniche viste da una prospettiva evolutiva.

Le malattie degenerative croniche viste da una prospettiva evolutiva.

22 Luglio 2015Body EatonKonnerVO2max1095Visualizzazioni

Adattamento: Angelo

VO2max

Oggi vi presentiamo un grande lavoro del 1988 di due padri fondatori della “dieta paleo“: i professori Eaton e Konner.

Dal punto di vista genetico, gli esseri umani che vivono oggi sono gli stessi cacciatori-raccoglitori dell’Età della Pietra “sfollati”, attraverso il secoli e, proiettati un mondo diverso da quello per il quale è stata selezionata la nostra costituzione genetica.

Questa discordanza ha poco effetto sul successo riproduttivo (ndr. alla luce di dati più moderni anche in questo settore le cose stanno cambiando in modo piuttosto impressionante dal 1988); piuttosto agisce come un potente promotore di malattie croniche: aterosclerosi, ipertensione essenziale, molti tumori, diabete mellito, obesità tra le altre.

Queste malattie sono il risultato dell’interazione tra i processi biochimici controllati geneticamente e una miriade di influenze bioculturali – fattori di stile di vita – che comprendono l’alimentazione, l’esercizio fisico e l’esposizione a sostanze nocive. Anche se i nostri geni non hanno subito variazioni, la nostra cultura si è trasformata e si è, praticamente stravolta nel corso degli ultimi 10.000 anni, soprattutto dopo la rivoluzione industriale. C’è una crescente evidenza che la mancata corrispondenza risultante favorisca le “malattie della civilizzazione“, che insieme causano il 75% di tutti i decessi nei paesi occidentali, ma che sono rare tra le persone la cui modi di vita riflettono quelli dei nostri antenati.

NDR. Nell’immagine un interessantissimo grafico, estrapolato dalla discussione, che mostra come la VO2max (Il massimo consumo di ossigeno è un parametro biologico che esprime il volume massimo di ossigeno che un essere umano può consumare nell’unità di tempo durante uno sforzo fisico) sia a valori di atleti di livello nazionale tra alcune delle più importanti popolazioni che ancora vivono seguendo regole e sili di vita da cacciatori-raccoglitori.

Riferimento:
Am J Med. 1988 Apr;84(4):739-49.
Stone agers in the fast lane: chronic degenerative diseases in evolutionary perspective.
Eaton SB1, Konner M, Shostak M.

Benefici sportivi nell’adottare una dieta paleo

(Visited 343 times, 1 visits today)
Angelo

Angelo

Angelo 50 anni, ingegnere, papà di una bellissima figlia, ex ciclista e triatleta agonista con alcuni risultati apprezzabili. Dal 2004 ha sperimentato su se stesso la dieta paleo abbinata allo sport di endurance e seguito decine di altre esperienze analoghe su, forum tematici, di altri atleti ed appassionati come lui. Uno degli organizzatori dell'evento "paleomeeting", past president, attuale segretario e socio fondatore del SIMNE (Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica)

La digestione di pane e pasta può rilasciare molecole biologicamente attive e potenzialmente dannose per la salute

Un criterio internazionale per la diagnosi della Sensibilità al Glutine non Celiaca: il metodo “Salerno”.